Carmen Panarello Attrice

Bio

L’obiettivo dell’arte non è un rarefatto distillato intellettuale, è la vita stessa.
Alain Arias-Misson

Bio
A quattordici anni, mia madre mi chiede perché proprio il teatro. “Voglio parlare con la gente”: da bambina, al mio compleanno, scappavo al suono del campanello, per infilarmi nella cesta dei giocattoli. Nata a Messina, città di vento e di attraversamenti, nutro il sogno di diventare stilista, studio con timore il pianoforte, prima del diploma di ottavo anno lo abbandono per quello che diventerà il mio mestiere, ma la musica resta una costante compagna e alleata interiore.    
Ho scelto di studiare la pratica dell’attore in varie delle numerose linee pedagogiche che costellano lo sfondo della formazione teatrale e avuto maestri e incontri importanti: dagli insegnanti della Scuola del Piccolo Teatro di Milano e la città stessa in cui spettacoli e stage provenienti dall’Europa e dal mondo mi hanno per sempre coltivata e indirizzata, al periodo di studi presso la 'Silvio D’Amico'; da tutti i conduttori degli stage sulla fisicità che ho scelto di seguire, fino alle poche ma indimenticabili esperienze  davanti alla macchina da presa. Altro ancora qui consegnato al curriculum.
Questo sito nasce come uno specchio, soprattutto; e fa bene e lievemente piacere, spogliandosi dal costume di scena, amalgamare di Carmen serenamente i pezzettini, in uno sguardo almeno un po’ radicato tra passato presente futuro. Così, sfidando ogni retorica senza alcuna voglia di sconfiggerla, riconosco anche i numerosi Incontri, festa  vertiginosa e complessa, massacrante entusiasmante, che mi regala ogni occasione di teatro, e che mi accompagna nell’altalena professionale tra baratri ed euforie. Guardo al teatro con molto timore, che possa scomparire, per giustificato esaurimento, scorte, energie, mezzi, corpi, pensieri… Tempo, Spazio. Ma penso all’esistenza che Evolve e, facendo teatro, cerco anche di sostenere anche in questa prepotente oscurità la luce entusiasta e determinata di mio figlio Michelangelo.

Portfolio

Nel vostro animo tutto è pronto per la creazione e la vostra natura non aspetta altro che l'avvio per mettersi al lavoro. Datele questa spinta.
Stanislavskij


Visioni

Potrei essere chiuso in un guscio di noce e sentirmi re degli spazi infiniti,
se non fosse che faccio questi brutti sogni.
W. Shakespeare

sol stat

Proserpina e Sole  nel rito del solstizio

INVOCAZIONE DI PROSERPINA

Indugia/ ancora qui con me,/ non smarrirti nell’ Ora che va via./ Non privarmi della tua […]

Continua

PROVA DI FUOCO (2016)

“PROVA DI FUOCO” un’  avventura creativa nella natura tre giorni di cibo scienza teatro yoga   luglio 2016 L’uomo universale di Leonardo. Quell’immagine ha scatenato e scatena in me domande, […]

Continua

“L’ODORE DELLA SETA”

MENZIONE AL MERITO  – II PREMIO INTERNAZIONALE SALVATORE QUASIMODO 2017 – sezione Teatro

Nel 2012 scrivevo un breve racconto monologo, un’altalena fra   NONNA/ DONNA / FIGLIA/E , tre generazioni di […]

Continua

Integro ( 2000)

Riassumendo dal 2000 al 2013

Nel mio percorso teatrale l’ esigenza di comprendere e motivare la presenza fisica dell’attore nel suo spazio espressivo, si è sviluppata anche nella […]

Continua

Briciole – “Sotto sotto”

U  Siamo riamasti qui, incastrati. C  Ma dài, impossibile verranno a liberarci! U  Chi? C  Gli altri… U  Gli altri? Sono nelle piazze, nelle industrie in disuso, nei … cosi… come si dice, occupati… Figùrati […]

Continua

Contatti

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio